Sito Ufficiale del Comune di Verbania

Salta ai contenuti
 
 

Palazzo Civico - Piazza Garibaldi, 15 - 28922
p.iva 00182910034 - tel. 0323 5421 - fax 0323 557197

COME FARE PER...
  • Cittadino
  • Impresa
 
 
 
Sei in: Home » Servizi al citt... » Stato civile » Matrimonio  
 
Turismo Amministrazione

Matrimonio

La celebrazione del matrimonio civile è integralmente regolata dalle disposizioni del Codice Civile e dal Regolamento di stato civile n. 396/2000.

Si attribuiscono effetti civili al matrimonio religioso e a quello dei culti acattolici.

La celebrazione del matrimonio deve essere preceduta dalle pubblicazioni di matrimonio.

La richiesta della pubblicazione va rivolta all’Ufficiale dello Stato Civile dove uno degli sposi ha la residenza. La pubblicazione verrà poi richiesta dall’Ufficiale dello Stato Civile all’altro Comune di residenza.

Con la pubblicazione di matrimonio l’Ufficiale dello Stato Civile accerta l’insussistenza di impedimenti al matrimonio.

La pubblicazione di matrimonio consiste nell’affissione di un atto contenente le generalità degli sposi presso la casa comunale per un periodo di almeno otto giorni consecutivi. Questo atto serve a rendere nota l’intenzione degli sposi di contrarre matrimonio in modo che chiunque ne abbia interesse possa fare eventuali opposizioni. Il matrimonio potrà essere celebrato dal quarto giorno della scadenza della pubblicazione. Riguardo il termine finale il matrimonio dovrà essere celebrato nei 180 giorni successivi alla pubblicazione, o meglio, al primo giorno utile in cui poteva essere celebrato il matrimonio.

Le pubblicazioni di matrimonio sono obbligatorie per i cittadini italiani o stranieri che celebrano il matrimonio in Italia, mentre non lo sono per i cittadini italiani che celebrano il matrimonio all’estero (salvo che le pubblicazioni siano richieste dalle Autorità del Paese straniero di celebrazione del matrimonio).

La richiesta ( Istanza ), unitamente a i suoi allegati e ai documenti di riconoscimento degli sposi in corso di validità, può essere:

  1.  presentata direttamente all’Ufficio di Stato Civile in Via F.lli Cervi 5 -Verbania - Intra con le seguenti modalità di accesso ai servizi: prenotazione on-line o accesso diretto con “Elimina Code” http://www.comune.verbania.it/Uffici-Comunali/Stato-Civile
  2.  spedita mezzo e-mail: stato.civile@comune.verbania.it  
  3.  spedita mezzo PEC: istituzionale.verbania@legalmail.it  

Viene richiesta ulteriore documentazione nei seguenti casi:

  1.  la richiesta di pubblicazione del Parroco o del Ministro del Culto, in caso di matrimonio religioso;
  2.  nullaosta dello straniero che intende sposarsi in Italia;
  3.  decreto del Tribunale di dispensa o riduzione dei termini di pubblicazione;
  4.  decreto del Tribunale di autorizzazione a contrarre matrimonio in caso di parentela o affinità tra i coniugi (art. 87 c.c.);
  5.  decreto del Tribunale di autorizzazione a contrarre matrimonio in presenza di divieto temporaneo (art. 89 c.c.);
  6.  decreto del Tribunale di ammissione al matrimonio del minore d'età.

La richiesta di pubblicazione dà inizio l’avvio del procedimento, l’Ufficiale dello Stato Civile provvede quindi ad accertare l’identità e i dati degli sposi al fine di acquisire tutta la documentazione necessaria per poter procedere alle pubblicazioni;

acquisita tale documentazione l’Ufficiale dello Stato Civile procede, previo appuntamento e alla presenza di entrambi gli sposi, alla lettura e alla firma dell’apposito verbale.

L’Ufficiale dello Stato Civile rilascia agli sposi:

  •  nel caso di matrimonio religioso: il certificato di eseguite pubblicazioni da consegnare al Parroco (in caso di matrimonio celebrato con rito cattolico) o l’autorizzazione al matrimonio da consegnare al Ministro di Culto (in caso di matrimonio celebrato con altri riti acattolici);
  •  nel caso di matrimonio con rito civile da celebrarsi in altro Comune italiano, l’atto di “delega” a favore del Sindaco del Comune prescelto.

Per le pubblicazioni di matrimonio occorre presentarsi con:

  1.  una marca da bollo da €uro 16,00 nel caso i nubendi siano entrambi residenti in Verbania;
  2.  due marche da bollo da €uro 16,00 nel caso in cui uno dei due nubendi sia residente in un altro Comune. Per l’eventuale richiesta di celebrazione di matrimonio civile in un Comune diverso dal Comune di pubblicazione, occorre un’ulteriore marca da bollo da €uro 16,00.

Nel Comune di Verbania ci si può sposare presso:

la sede municipale di piazza Garibaldi

  1.  Villa Giulia, Verbania Pallanza
  2.  Villa Maioni - Biblioteca

La data viene concordata con l’Ufficiale dello Stato Civile secondo della disponibilità.

Il Sindaco o un suo delegato officerà la cerimonia alla presenza degli sposi e di due testimoni maggiorenni vestito in forma ufficiale in una sala aperta al pubblico. Dopo aver letto gli articoli 143 – 144 –147 del codice Civile raccoglierà il loro consenso a prendersi in marito e moglie e li dichiarerà uniti in matrimonio. Gli sposi possono scegliere il regime della separazione dei beni, in caso di mancata dichiarazione il regime patrimoniale sarà quello della comunione dei beni. Seguirà quindi la lettura del verbale della cerimonia che dovrà essere sottoscritto dagli sposi, dai testimoni e dal celebrante stesso.

Ci si può anche sposare in altro Comune, occorrerà presentare al Sindaco una domanda, nella quale dovranno essere indicati i motivi della scelta e il Comune ove avverrà il matrimonio.

Entro dieci giorni antecedenti la data fissata per la celebrazione del matrimonio gli sposi devono presentare:

  1.  il Modello Dati Testimoni e Regime Patrimoniale , da compilare con i dati dei due testimoni e della scelta del regime patrimoniale. Al modello devono essere allegate i documenti di riconoscimento dei testimoni in corso di validità;
  2.  copia dell’avvenuto pagamento della tariffa per i matrimoni da celebrarsi:

 

  •  Villa Giulia:

  - 300,00 Euro per i residenti

  - 1.000,00 Euro per i non residenti

  •  Villa Maioni – Biblioteca

        - 300,00 Euro per i residenti

  - 1.000,00 Euro per i non residenti

  •  Sede Comunale

        - per i non residenti, la tariffa è di euro 300,00 Euro